12 Lug '13

naturaeanimali

Marina Galatioto, scrittrice, giornalista e blogger collabora con settimanali femminili di narrativa e con diverse riviste cartacee e online. Si occupa di social media e marketing per alcune aziende per cui cura anche le pagine Facebook e le campagne pubblicitarie.

0 Shares

Il mare e le sue coste

il mare e le sue coste

Nell’articolo precedente sul mare ho spiegato di come è nato e dei suoi movimenti, ora entriamo nel dettaglio delle coste, come dicevo, punto di congiunzione tra mare e terra.

Le coste possono essere differenti a causa di alcuni fattori determinanti:

  • l’azione del vento,
  • la potenza delle onde e le maree,
  • la vicinanza ad una foce di fiume,
  • la sua costituzione di sabbia o rocce.

La costa sabbiosa, come dice la parola è di sabbia o ghiaia (cioè rocce sgretolate, detriti e depositi di fiume). La costa rocciosa è costituita da rocce che non sono state completamente frantumate e ridotte in sabbia. Inoltre le coste dipendono anche dai fondali e da come sono: pianeggianti, a picco, eccetera.

Le definizioni delle coste:

  1. Spiaggia: striscia di sabbia pianeggiante che si estende lungo la riva.
  2. Scoglio: una roccia che spunta dal mare, emerge, e di solito è vicina alla costa.
  3. Duna: accumulo di sabbia in un punto specifico, depositata dal vento e fermata da qualcosa che rappresenta un ostacolo).
  4. Tombolo: è una striscia di sabbia che collega uno scoglio alla spiaggia.

Poi ci sono:

  1. la Baia: un’insenatura con un’imboccatura stretta,
  2. il golfo: un’insenatura profonda e con l’apertura molto ampia,
  3. la laguna: una massa d’acqua bassa che è separata dal mare da una piccola striscia di terra,
  4. il promontorio, che è una sporgenza sul mare,
  5. il capo, cioè la punta estrema si una penisola dove la penisola è terra che si allunga nel mare ed è collegata al continente,
  6. la costa alta: dove ci sono rocce alte e il mare è profondo.

Vicino alle coste si trovano gli arcipelaghi, gruppi di isole molto ravvicinate tra loro. Un’isola è una terra piccola o grande completamente circondata dall’acqua.

A seconda del tipo di costa l’uomo può svolgerci delle attività. Ad esempio le coste basse, con sabbia, ma anche ghiaietto, con grandi baie sono perfette per il turismo.

Le maree, i movimenti del mare, le onde modificano le coste. Questo fenomeno vien chiamato erosione. Significa che, anno dopo anno, decennio dopo decennio, il mare porta via sabbia e ghiaia oppure scava rocce e dà loro forme differenti.

scritto da marinagalatioto.com

 

photo credits | arteviolav

About naturaeanimali

Marina Galatioto, scrittrice, giornalista e blogger collabora con settimanali femminili di narrativa e con diverse riviste cartacee e online. Si occupa di social media e marketing per alcune aziende per cui cura anche le pagine Facebook e le campagne pubblicitarie.

Related Posts

There is One Comment.

  1. Pingback: Gli strati della foresta pluviale - II | Natura e Animali